Fashion News

Pitti Immagine 2018: sei buoni motivi per andarci

pitti immagine 2018

“Nicola, sai la novità? Forse a nessuno importa più niente del Fashion System e di Pitti, che ne dici di parlare di bitcoins?”
Ennò, ormai le feste sono alle spalle, la nuova stagione incombe, a Fortezza i buyers scalpitano e il Frecciarossa mi aspetta per scaraventarmi nel rutilante universo di Pitti Immagine 2018!

Quindi, se non vi basta sapere che il 2018 sarà l’anno del burgundy, andate avanti a leggere…

Pitti immagine 2018

Pitti Immagine 2018: il Colore innanzi tutto

Come avrete già sentito da più parti il colore nuovo a Pitti Immagine 2018 è il burgundy (che poi sarebbe un bordeaux scuretto tipo gli interni in pelle delle auto inglesi, quelle belle). Vabbè nuovo, diciamo che c’è chi ci arriva adesso…

A me piace soprattutto in combinazione con grigi o marroni nei prince of Wales, oppure negli accessori (in pelle, appunto) tipo le Church’s in cordovan, ma aspettiamoci di tutto…

Il burgundy tira grigi e blu, che non saranno certo una novità, ma male non fanno nel guardaroba del gentiluomo.

Lo sportswear si accende di inserti fluo accentuando la vocazione hi-tech del settore, mescolandosi all’immancabile camouflage, mega trend di lungo termine.

Ah, non buttate via marroni, cammello e beige; pare che una chance a Pitti immagine 2018 gliela diano ancora (bontà loro!)

Pitti immagine 2018 colore

Il look del Pitti 2018

Bene, veniamo al punto: cosa è cool a Fortezza da Basso hic et nunc ?

Innanzitutto il cappello (ma va?), che è un fedora largo e colorato, garanzia di understatement, in alternativa ad una coppola da Andy Capp da working class hero.

Pitti immagine 2018 cappelli

Pitti immagine 2018 coppola

Poi la barba (ma va 2?), sempre più lunga, sempre più grigia, sempre più finto-incolta, tipo Osho, per intenderci.

Pitti immagine 2018 barba

L’over è un cappottone spigato o a quadri, un parka o un giubbotto di pelle, se non volete il solito cappottello infighettato e sciancrato.

Il pantalone, come al solito, mostra la caviglia oppure è un denominatore totally destroyed (e qui ci sta un…ma va 3?)

La scarpa presenta la clamorosa new entry della ciabatta col pelo, ideale per i rigori della stagione.

Pitti immagine 2018 ciabbatte

Va molto forte anche l’outfit da nerd o, in alternativa, nerd boscaiolo (con barba, ovvio …)

Pitti immagine 2018 nerd

Se volete farvi un giro senza sentirvi un alieno come me, adeguatevi.

Lo Sportwear del terzo millennio

Come al solito a Pitti uomo lo sportwear gioca un ruolo fondamentale, legato allo stile di vita ormai sempre più informale dell’uomo, fashion o non fashion.

Ormai i materiali hi-tech sono sdoganati, per cui le giacche sono sempre più calde e leggere.

Come era prevedo, sull’onda del successo stagionale, una marea di parka ci sommerge, con l’unica variante del colore, fluo o quantomeno squillante, o del camouflage in ogni sua variante, vedi mega stand di Woolrich o di Superdry.

In ribasso i bomber, in netta crescita le giacche di montone (come la cara adorata Schott) con attenzione alle Leather jackets (si prevede un ritorno del “chiodo”, come se fosse mai sparito…)

Se estendiamo il concetto di sportwear, anche il peacot blu, magari con un interno di piuma sfoderabile, si conferma come una tendenza di lungo periodo.

Pitti immagine 2018 sport

La parola d’ordine è contaminazione

Pitti immagine 2018 si presenta quest’anno come un meltin’pot di tendenze etniche e non con la presunzione di sintesi e di armonia, un po’ come la nostra società che si trova a ricevere input da tutto il pianeta, tipo la cucina fusion.

Diciamo che quest’operazione non sempre centra il bersaglio e che i ricami, le patch o le borchie sui capi ipertecnologici non sono proprio un capolavoro.

L’impressione è quella di stare in una enorme capsula del tempo dove gli anni  ’60 si sono mescolati con gli anni ’70, gli anni ’80 e le ultimissime folate di tecnologia, risuscitando le icone di tutti questi periodi.

Pitti immagine 2018 invicta

Ci si imbatte quindi negli zaini della Invicta jolly, nelle neonata Best Company, di cui ho già parlato, nelle sneakers Wushu e in una vitalissima Schott USA che darà a noi ruvidi dei brividi lungo la schiena.

Non tutte queste realtà avranno un futuro, ma godiamoci questi dolci ricordi…

Pitti immagine 2018 schott

Il classico: non pervenuto

La sensazione che si percepisce girando per il padiglione centrale è di una generale diminuzione dei capi classici nelle collezioni, come conseguenza delle richieste dei mercati nazionale e internazionale.

Il Made in Italy piace ancora tantissimo, ma i nostri produttori hanno orientato i loro radar verso materiali, tagli e textures meno tradizionali, almeno sulla carta, visto che hanno semplicemente riaperto gli archivi storici e riesumato Prince of Wales o pied de poule rivisto nelle proporzioni nei volumi per attualizzarli, il tutto con l’immancabile burgundy.

Pitti immagine 2018 burgundy

Si rivedono così pantaloni slim ma non più skinny, anzi, almeno a vista, più comodi e immancabilmente a quadri , dopo che per tre stagioni ci hanno proposto rigoni (capirai lo sforzo…)

Si sono persino viste da Lardini, le morbide giacche da camera, immancabili nel guardaroba del perfetto gentiluomo.

Pitti immagine 2018 lardini giacca da camera

Si vedono ancora cappottini spigati o a quadroni. Ma attenzione: dietro l’angolo è in agguato il fantasma del loden, poi non dite che non vi avevo avvisato.

Pitti immagine 2018 cappotto

La pedula del terzo millennio

Delle scarpe a Pitti immagine 2018 parlerò più diffusamente in un prossimo articolo, ma una tendenza brilla di luce propria nella sfavillante vetrina Fiorentina.

Si era già vista quest’inverno e molte maison l’avevano inserita nei loro campionari da almeno tre stagioni, ma questo 2018 sembra l’anno della  consacrazione della pedula, ovvero dello scarponcino da montagna con i ganci, tipo trekking dai!

Finalmente hanno capito che le devono fare leggere e flessibili, visto che nessuno le usa per arrampicarsi  sui muri dei palazzi…

Interessanti le contaminazioni con sneakers e scarpe normali che, con risultati più o meno accattivanti, si arricchiscono di ganci, inserti di pelo, esterni o interni e tessuti tecnici.

Speriamo almeno che l’anno prossimo nevichi, altrimenti siamo rovinati!

Pitti immagine 2018 scarpe

Dimenticavo: se volete sapere qualcosa di criptovalute cambiate sito, per me è sterco del demonio!

FATEVELO UN GIRETTO DI SHOPPING

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top