Gente Ruvida

Federico Buffa meets Muhammad Alì

federico buffa

Federico Buffa è un mito indiscusso, niente da dire. Per me il discorso si potrebbe chiudere qui.

Muhammad Alì era soprannominato “the greatest” e nessuno, da Tyson a Mayweather, ha più boxato come lui.

Se questi due personaggi si incontrano, anche solo virtualmente, il risultato non può che essere interessante.

Il 10 Dicembre su Sky parte una serie di tre appuntamenti dal titolo suggestivo:

Federico Buffa racconta Muhammad Alì

Un viaggio trasversale nella vita del più grande pugile di tutti i tempi visto come icona generazionale e specchio su cui si riflette la società americana degli anni ’60 e ’70, raccontato con lo stile inarrivabile di Federico Buffa.

Federico Buffa

FEDERICO BUFFA: IN PRINCIPIO ERA IL BASKET

Lo chiamano “l’avvocato” per la sua formazione universitaria, ma la sua passione è il basket, di cui è uno dei maggiori esperti in Italia con Flavio Tranquillo e Guido Bagatta.

Esordisce come radiocronista dell’Olimpia Milano per approdare a Tele Reporter negli anni 80 e, successivamente, a Tele+, poi confluita in Sky.

Negli anni 2000 incontra il calcio fino a diventarne uno dei più ricercati opinionisti.

Federico Buffa

CHI SA SOLO DI CALCIO, NON SA NIENTE DI CALCIO

Ipse dixit Josè Mourinho.

Questa frase ben sintetizza Storie mondiali, la serie realizzata da Federico Buffa nel 2014 per Sky, un tentativo ben riuscito di parlare di calcio non parlandone. Oppure partire dal calcio per arrivare oltre: alla società, alla cultura e al mondo reale.

Io amo il calcio, sia ben chiaro, ma le “Storie” di Buffa – anche quelle successive, i ritratti dei campioni – riescono a dare colori nuovi a quelle maglie, scavando nel profondo dei personaggi e aprendo lo spettro delle prospettive che li circondano: il mio amore per George Best e Johan Crujiff discende direttamente dalle sue spettacolari ambientazioni storiche.

Indimenticabile il doppio episodio su Rosario, la “città del calcio” argentina, fonte inesauribile di tutto il movimento del “futbol” biancoceleste, rivissuto con digressioni e connessioni continue con politica, cultura, musica e, perché no? cucina.

Federico Buffa

IL MITO Muhammad Alì IN BUONE MANI

La storia di Muhammad Alì è stranota a tutti, per cui non mi dilungherò. Di lui fotografi e giornalisti si sono nutriti per sessant’anni (consiglio una lettura dell’intervista di Oriana Fallaci). La sua recente scomparsa lo ha consacrato ad icona dello sport del ventesimo secolo.

Eppure sono certo che Federico ci sorprenderà ancora, con i suoi maglioncini a collo alto, la camicia bianca col collo un po’ così, il suo impeccabile cappottino scuro e i mitici stivaletti, scovando colori e riflessi nuovi nell’uomo che danzava come una farfalla e pungeva come un’ape.

muhammad ali

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top