Rough Toys

Citroen E-Mehari: la “spiaggina” è tornata

e mehari

Poi ditemi se non sono avanti: quest’estate vi avevo cantato le meraviglie della Mehari, “the official surf car” ed ecco che, taaaac, la Citroen si accorge che la nostalgia, commercialmente, tira “a bestia”…

La Nuova Citroen E-Mehari

e mehari

Citroen E-Mehari, THE LEGEND IS BACK

Dopo Mini, Maggiolino e Cinquecento mancavano all’appello i francesi…
Le loro storiche auto “popolari”, infatti, avevano lasciato un numero di “orfani” davvero notevole: Renault 4, Citroen 2 CV, Diane e Mehari non erano mai state rimpiazzate nel cuore dei loro ex proprietari dalle scialbe eredi al trono.
Inoltre il mercato delle auto per neo patentati richiede proposte suggestive, intriganti per i giovincelli che, comprano più volentieri una leggenda piuttosto che una semplice auto.
La prima ad uscire è la Citroen E-Mehari, rivisitazione della nostra amata “spiaggina”.

e-mehari

COME È FATTA LA E-MEHARI?

La E-Mehari è più grossa della sua progenitrice (lunga 3,81 metri) ma comunque compatta e, come nel caso di Mini e 500, piena zeppa di tecnologia.
Tanto per cominciare è elettrica, con tecnologia plug-in e batterie al litio Bollorè (in affitto con canone di 87€ al mese). L’autonomia è di 200km, tocca i 110 all’ora (direi sufficienti) e all’interno ha pure Bluetooth e climatizzatore. (E qui mi vien da ridere pensando agli interni di quelle dei surfisti con la frigoborsa e le ciabatte parcheggiate a caso…)

e-mehari

Comunque la carrozzeria della New Mehari è sempre in polimeri (solo quattro colori disponibili). Il tetto e i finestrini in tela e plastica sono asportabili e le tappezzerie sono in materiali che passano indenni all’umidità e alla corrosione.
L’estetica è particolare, di “rottura ” come La Cactus da cui deriva: sembra una piccola jeep, mi piace!

e-mehari

Non costa poco, circa 26 mila euro, ma neanche tantissimo: quanto basta a posizionarla in una nicchia piuttosto alta, quella dei giocattoli per ricchi.

La E-Mehari AVRÀ SUCCESSO?

Costa parecchio, quindi bisogna vedere se riuscirà a trasmettere emozioni a sufficienza, soprattutto ai nuovi clienti, i ventenni del terzo millennio. E per quanto riguarda i surfisti attempati…questi continueranno a strapagare le Mehari originali per spostarsi da un hotspot ad una birreria…

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top